Viaggio in due discariche abusive a cielo aperto a Vasto

inciviltà gio 04 agosto 2022
Attualità di Lea Di Scipio
2min
Viaggio in due discariche abusive a cielo aperto a Vasto ©Vastoweb
Viaggio in due discariche abusive a cielo aperto a Vasto ©Vastoweb

VASTO. Pannolini, teli di plastica, interi mobili, elettrodomestici, calcinacci, frigoriferi, mobili enormi, sacchi neri colmi di indifferenziata urbana, oggetti metallici e di plastica di ogni dimensione e tanti altri generi di rifiuti, perfino nani da giardino.

Questo è quanto abbiamo documentato scortati dagli ispettori ambientali comunali andando a visitare due luoghi non molto distanti dalla città ma che si prestano alla perfezione alle mani illecite.

La prima si trova in Contrada Zimarino, una strada divenuta senza uscita a seguito della chiusura del vecchio imbocco sulla statale 16, la seconda è senza nome ed interseca via San Lorenzo, a circa un chilometro dalla chiesa del Martire, direzione nord est. La prima è alle porte della Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci, mentre la seconda volge nella direzione del fiume Sinello.

A segnalarci le due enormi discariche abusive a cielo aperto i nostri lettori e tanti sono anche i cittadini che si mettono in contatto con la Protezione civile.

Oltre che dal punto di vista del decoro, le discariche illegali hanno un impatto negativo su piante e animali che si trovano nelle adiacenze, minacciando la qualità dell'acqua, del suolo e dell'aria, nonché della salute umana. Molto spesso attraggono la fauna selvatica compresi i cinghiali i cui avvistamenti sono ormai all'ordine del giorno e senza orario.

“E’ una situazione indecente, qui abbiamo terreni privati che veniamo a coltivare e curare. C’è gente che non si scomoda nemmeno a scendere dall’auto e pratica il lancio dal finestrino di buste colme di bottiglie e lerciume di ogni genere”, denuncia un agricoltore che passa proprio durante il nostro intervento a San Lorenzo.

I rifiuti rinvenuti giacciono sul ciglio di queste strade ma occupano anche le scarpate sottostanti andando ormai ad inglobare la vegetazione circostante e divenendo, perciò, anche più difficili da recuperare.

“A Vasto abbiamo un'isola ecologica che agevola al corretto smaltimento dei rifiuti e non ci sono scusanti che tengano". Ha detto l’assessore all’Ambiente del Comune di Vasto Gabriele Barisano in una nostra precedente intervista (Leggi).

Abbiamo girato la questione anche a Nicholas Tomeo, portavoce del Forum Civico Ecologista che così si è espresso:

“Il problema è annoso e ce lo portiamo dietro da tanti anni a testimonianza della carenza di risorse per un controllo capillare.

Chiediamo la collaborazione di tutte le istituzioni perché diventi reale e fattivo

nonché un immediato smantellamento di tutte le discariche per un ripristino ambientale immediato, per cui sarebbe necessaria una mappatura di tutte le discariche e un censimento dei materiali trovati”.


Galleria fotografica

Vastoweb.com Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 01/2009 del 9/01/2009 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Nicola Montuori

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Vastoweb.com. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione