E' di Chieti il papà del neonato morto al Pertini di Roma mentre la madre lo allattava

il dramma mar 24 gennaio 2023
Cronaca di Miriam Giangiacomo
1min
Neonato ©Web
Neonato ©Web

ABRUZZO. E' di Chieti il papà del neonato di tre giorni morto il 7 gennaio scorso al Pertini di Roma, soffocato mentre la madre lo stava allattando. E' un libero professionista di trentasei anni, mentre la madre, di Roma, ne ha 30.

Sulla vicenda la procura ha aperto un fascicolo d’indagine per omicidio colposo e la polizia ha sequestrato la cartella clinica. Il personale in servizio, intanto, è stato identificato. Quello che ora si cercherà di capire è perché il bimbo sia rimasto nel letto della madre, che si era addormentata, senza che nessuno si accorgesse di ciò che stava accadendo. Il regolamento interno dei reparti di ginecologia prevede infatti l'assistenza alle degenti ogni tre ore, sia di giorno che di notte, con la presenza di due infermiere per il nido e di due per le neo-mamme.

Una nota della Asl precisa che la donna non aveva assunto né farmaci né droghe, e infatti è risultata negativa all'esame tossicologico, ordinato dalla procura per escludere eventuali farmaci somministrati e non tracciati nel suo fascicolo. Sul piccolo è stata disposta l'autopsia, i cui esiti definitivi potrebbero arrivare non prima di 60 giorni.

Vastoweb.com Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 01/2009 del 9/01/2009 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Nicola Montuori

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Vastoweb.com. 2023 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione